Archivio mensile marzo 2018

DiFang

Consigli Windows 10: 7 suggerimenti per iniziare con Microsoft Edge come tuo visualizzatore PDF

Sapevi che la funzione di visualizzazione PDF integrata in Microsoft Edge ha ricevuto nuove utili funzioni con il Windows 10 Fall Creators Update?

Con l’ultimo aggiornamento delle funzionalità, ora puoi fare di più con i tuoi PDF in Microsoft Edge, come personalizzare diverse viste, prendere note, ed anche farti dettare il tuo PDF!

Scopri tutto ciò che il PDF viewer di Microsoft Edge ha da offrire:

Evidenziare testo e note scritte a mano

Le annotazioni nel browser ora sono estese anche ai PDF. Cerca il bottono “Aggiungi note” accanto alla barra degli indirizzi per muoverti in modalità annotazioni. La toolbar delle annotazioni ha tutti gli strumenti per evidenziare il testo o per usare Windows Ink per scrivere sui tuoi documenti. La toolbar fornisce anche diversi colori per l’inchiostro ed il bottone “Touch writing” può essere usato per passare da annotare a scorrere e visualizzare il tuo documento. E, se non sei contento delle tue annotazioni – c’è lo strumento Cancella per rimuovere le cose.

Menù pop-up e note testuali

Maggiori informazioni

DiFang

Una falla nel popolare software μTorrent permette agli Hacker di controllare il tuo PC da remoto

Se hai installato il più popolare software di download di torrent,  μTorrent, allora dovresti scaricare la sua ultima versione per Windows il prima possibile.

I ricercatori di sicurezza di Project Zero di Google hanno scoperto una vulnerabilità di codice remoto sia nell’app ” μTorrent desktop per Windows” sia nel nuovo  “μTorrent Web”, che permette algi utenti di scaricare e trasmettere torrents direttamente dal loro browser web.

Le app  μTorrent Classic ed  μTorrent web funzionano in background sulle macchine Windows ed avviano un server locale HTTP RPC sulle porte 10000 e 19575, rispettivamente, tramite il quale gli utenti possono accedere alla sua interfaccia tramite ogni browser web.

Comunque, il ricercatore di Project Zero Tavis Ormandy ha scoperto vari problemi con questi server RPC che potrebbero permettere agli attaccanti di prendere controllo del software di download torrent con una piccola interazione dell’utente. Maggiori informazioni

DiFang

Hackare questi baby monitor IoT è un gioco da ragazzi, rivelano i ricercatori

Compri un baby monitor perchè ti interessi della sicurezza del tuo bambino, e vuoi proteggerlo dai pericoli.

Ma come più e più dispositivi di controllo si collegano ad internet, corriamo il rischio di esporre i nostri bambini a stranieri che potrebbero volerli spiare, ascoltare, ed anche chattare.

I ricercatori di sicurezza Austriaci hanno avvisato questa settimana riguardo agli ultimi baby monitor affetti da una vulnerabilità di sicurezza critica che solleva preoccupazioni sulla privacy molto reali.

Il dispositivo in questione è la Mi-Cam di miSafes, che si descrive come un “Wi-Fi video monitor per tutti”. Integra una videocamera 720P HD, funzione di comunicazione a due vie, e registrazione video locale gratuita – tutto controllato da un’app “user friendly” per smartphones iPhone ed Android. Maggiori informazioni

DiFang

Il ransomware SamSam infetta il Dipartimento dei Trasporti del Colorado

ransomware

Il ransomware SamSam è tornato ed il Dipartimento dei Trasporti del Colorado è la sua vittima più recente. Oltre 2.000 computer dell’agenzia sono stati spenti il 21 Febbraio per evitare che il ransomware si diffondesse in tutta l’infrastruttura.

Secondo le notizie locali di CBS, il sistema critico utilizzato per gestire i semafori e le allerte non è infetto. Gli attaccanti hanno criptato alcuni file e richiesto bitcoin in cambio per la chiave di decrittazione.

Comunque il DoT sta lavorando con un’azienda di sicurezza per riparare il sistema, l’FBI è stata inoltre chiamata per ulteriori indagini sul danno. Maggiori informazioni

DiFang

I venditori di Anti-Virus prendono misure per combattere i Trojan

Il Trojan è una delle prime forme di minaccie informatiche, già dagli ultimi anni ’90.  Comprende molti aspetti, dal dirottamento allo spyware. In un senso più largo, è un meccanismo per consegnare informazioni agli hacker che li distribuiscono. Può entrare in un sistema in vari modi – da un download o tramite un sito con una falla. Gli attacchi con Trojan coinvolti sono cresciuti negli anni, ed il 2017 ha visto circa il cento per cento in più di cyberattacchi mirati ad istituzioni finanziarie e banche.

Uno dei ruoli chiave dei Trojans è quelli di estrarre informazioni degli utenti per i servizi cloud. Questo potrebbe essere un attacco semplice che non c’è un’autenticazione a due fattori a proteggere la transazione. Le credenziali rubate possono essere vendute per grosse somme di denaro. Largamente sottovalutato, la presenza di una robusta protezione anti-virus ed un’autenticazione a due fattori può portare un grosso beneficio nel prevenire la perdita di credenziali tramite Trojans. Maggiori informazioni

DiFang

Windows Defender Antivirus rimuoverà il software che mostra messaggi allarmanti a partire da Marzo

Sono sicuro che molti di voi hanno sentito parlare di software free che scansionano il computer cercando vari errori, e poi usano messaggi allarmanti per portare gli utenti innocenti a comprare la versione premium del software per sistemare gli errori. Microsoft ha finalmente deciso che questi software di pulizia o di ottimizzazione sono problematici perchè spingono  i clienti a fare acquisti non necessari. Microsoft ieri ha annunciato di aver aggiornato i criteri di valutazione dei malware per includere questi software. Questo significa che i software che mostrano messaggi allarmanti saranno classificati come software non voluti e saranno rimossi dagli strumenti di sicurezza di Microsoft come Windows Defender Antivirus.

Ecco cosa Microsoft ha aggiornato nei suoi criteri di valutazione, Maggiori informazioni

DiFang

Apple MacBook vs. Dell XPS 13: Non Esiste Proprio Paragone

Il MacBook e il Dell XPS da 13 Pollici sono due degli ultrasottili più interessanti che possiate acquistare, entrambi nella fascia premium. Il 12 pollici di Apple parte da 1549€ mentre l’XPS 13 9370 è disponibile a partire da 1299€.

Ma i due prodotti differiscono molto di più di quanto si assomiglino. A questo proposito, il MacBook sta decisamente iniziando a sentire il peso degli anni. In base alle nostre recensioni approfondite, ecco come si comportano il MacBook e la versione 2018 dell’XPS 13.

Design

È difficile battere l’aspetto del Display InfinityEdge di Dell, che coprendo quasi l’intera superficie bordo a bordo, garantisce un’esperienza di visione davvero coinvolgente. L’unica nota dolente qui è che la webcam rimane posizionata al di sotto dello schermo.

Maggiori informazioni

DiFang

I 10 migliori buoni propositi per la sicurezza tecnica del Nuovo Anno

 3… 2… 1…Felice Anno Nuovo! Appena si spengono i fuochi d’artificio e il fiume di Champagne si riduce ad un rivolo, alla vigilia del Nuovo Anno, la conversazione si focalizza inevitabilmente sugli obiettivi che si vogliono raggiungere nel corso dei dodici mesi a venire.

Alcuni guarderanno a quanto accaduto nell’anno trascorso e si concentreranno sulle aree che necessitano di miglioramento. Dal punto di vista della sicurezza tecnica, per molti, i backup rappresentavano, senza dubbio, una criticità; infatti, secondo un sondaggio effettuato da BackBlaze, solo il 9% provvedeva ad effettuare su base giornaliera il backup dei dati più importanti, mentre un utente su 5 non aveva mai effettuato alcun back up!

Che si voglia perdere peso, smettere di fumare o rafforzare le proprie pratiche di sicurezza, mantenere un buon proposito per il Nuovo Anno si riduce nel seguire un piano d’azione. Mentre potremmo non essere molto informati riguardo ai sei step da seguire per un torace scolpito oppure sul come liberarvi dal vostro vizio, nessuno, meglio di noi, può darvi i più giusti consigli quando si tratta di strategia per la sicurezza informatica.

Siamo lieti di presentarvi i 10 buoni propositi per la sicurezza tecnica che vi permetteranno di mantenere il vostro computer nelle migliori condizioni e sarete pronti ad affrontare le minacce che sono in agguato nel 2018. Maggiori informazioni